Io ho già dato

Se c’è una cosa che ci ha insegnato il governo Berlusconi, è che mentre noi si parla, si discute, si pone l’accento su chi scopa chi tra gli eletti al parlamento, il mondo va avanti.

Ora però sembra che qualcuno, dopo dieci anni di nessuna riforma ne liberalizzazioni (si, parlo anche voi che credevate che l’acqua potesse essere privatizzata), voglia mettere le mani nelle tasche degli italiani per appianare (senza nessun tipo di riforma strutturale) problemi di liquidità frutto di pessima gestione e nessuna evoluzione. In verità è già accaduto, con la riduzione delle pensioni in essere, una cosa spaventosa, che dimostra come nessun risparmio sia al sicuro.

Mentre noi ci si crogiolava nello statalismo, altre economie si sono evolute, cercando di migliorare il loro stile di vita (anche se noi continuiamo a disprezzare queste genti, con fare altezzoso).

Francamente? Penso che l’Europa non tornerà come era 10, 20 o 30 anni fa. Penso che io pago ogni mese tasse, tante, e non voglio fare sacrifici ulteriori, sacrifici che qualcuno pensa che dovrebbe fare chi ha dei soldi da parte, sacrifici per coprire problemi causati da inettitudine di altri.

I soldi, se uno li ha accantonati, è perché ha lavorato tanto e duramente e non ha comprato ogni schermo plasma 43” o BMW a rate che gli si parava davanti, anche se gli sarebbe piaciuto. Quelli che avevano un lavoro, che intanto la legislazione Biagi continua tranquillamente a distruggere il mercato del lavoro.

Penso che la classe dirigenziale politica, nazionale e locale, sia incompetente ma di fatto non rinnovabile. Penso che io delego queste persone della gestione della cosa pubblica e li pago per farlo. Se non lo fanno è un LORO problema, non mio.

Penso che il solo modo per ridurre il fabbisogno degli enti statali sia strangolarli finanziariamente: l’evasione fiscale è un ottimo metodo per ridurre le entrate di uno stato e costringerlo ad eliminare gli sprechi (pensate alle aziende per le quali lavorate: non hanno forse ridotto i costi quando non c’erano clienti?).

Infine, al termine di questo sconclusionato sfogo, penso che mentre aspetto l’innalzamento della pensione di anzianità femminile a 65 anni (una cosa così banale che non dovremmo neanche pensarci) a segnale di una nazione che si rende conto di non essere più nel 1982,  penso che io per una tassa patrimoniale potrei scendere in piazza. a bruciar le auto. di sconosciuti. magari le BMW a rate

Perché io ho già dato

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...